Fioricoltura-Daniela

INTERVISTA A FLAVIO BOLTRO

INTERVISTA A FLAVIO BOLTRO

L’abbiamo intervistato in occasione delle due serate in Sardegna.

Flavio Boltro ha suonato in due serate al Birdland di Sassari in tributo a Miles Davis e ai Wheather Report accompagnato da Pippo Matino, Francesco Sotgiu e i Pork Explosion di Marcello Contu.
Flavio Boltro è uno dei trombettisti italiani più apprezzati in tutto il mondo.
Ha una intensa attività concertistica da solista e in sala d’incisione, spaziando fra vari generi musicai, infatti Flavio oltre al jazz, è una prima tromba anche nella musica classica fino ad arrivare all’hip hop.

Abbiamo incontrato Flavio Boltro dopo il concerto e ha risposto alle nostre domande.

Cosa significa essere un musicista?

Flavio Boltro: Rispondo intanto con un’aneddoto: un giorno una persona che non conosco, mi chiese: che fai nella vita? Io risposi: il musicista! Lui perplesso disse, ok ma che lavoro fai?
Questo fa capire molte cose, soprattutto che culturalmente è difficile imporsi e a inizio carriera farsi accettare. Poi parlando di cose serie, per me essere musicista è un insieme di valori basilari, che sono amare il tuo strumento, sacrifici, rigore e disciplina e soprattutto amare la gente il pubblico i musicisti. Essere umile e generoso. Il mio amico Petrucciani, alla fine di uno splendido concerto fatto insieme al Festival di Nizza, mi disse: amico mio amo la musica e le persone, mi sento bene.

Chi ti ha influenzato maggiormente?

Flavio: Mio padre.
Essendo stato un trombettista anche lui, senza nessun sforzo mi ha immerso in questo fantastico mondo che è la musica. A 9 anni ho iniziato e non ho mai abbandonato.

M.S.: Cosa cerchi dai musicisti con cui suoni?

Flavio: Cerco di fare in modo che la loro personalità venga fuori il più possibile, lasciando libertà di espressione.

M.S.: Tu e la creativitá: come nasce l’ispirazione?

Flavio: Trovo facilmente l’ispirazione quando parto per una serie di concerti. Suonando ogni giorno in un posto diverso, mi sento immediatamente a mio agio e non vedo l’ora di salire la sera sul palco. Secondo me per noi i momenti più difficili sono i lunghi viaggi le attese all’aeroporto le enormi valigie, un mese fuori casa senza i tuoi punti di riferimento, cambiando hotel ogni giorno.
Un giorno mangi da Dio e un’altro così così. Nel frattempo può anche capitare che ti becchi un bel raffreddore, ma nonostante tutto questo quando mancano 5 minuti prima di salire sul palco ti senti la persona più felice del mondo. Tutte queste cose insieme mi danno una grande ispirazione. Quando torno a casa, le esperienze di questi viaggi mi aiutano a creare nuova musica.

M.S.: Dove ti porta la musica?

Flavio: Sia quando suono o quando ascolto un brano o un cd, la musica mi fa sognare, mi rilassa o mi eccita tanto da farmi urlare. Nel bel mezzo di un solo o di una bella melodia, mi scappa il tipico Uuuuuuuuuuuuuau!!!! Se a volte sono giù di morale ascolto un brano che amo particolarmente, chiudo gli occhi e mi immagino di esser altrove, lontano. Se sono in collera la musica mi rimette con i piedi per terra. La musica mi porta lontano nel tempo e spero che in futuro sia sempre presente .

M.S.: Parlaci delle due serate a Sassari

Flavio: Le due serate a Sassari sono state intense e divertenti. Essendo un omaggio a Davis mi sono divertito tantissimo, perchè sono cresciuto ascoltando questa musica quindi mi viene spontaneo suonarla con naturalezza. Avendo una grande ritmica è stato tutto più facile. C’era il grande Pippo Matino al basso, fantastico bassista, grande musicista dotato di una musicalità eccelsa e grande personalità.
Alla batteria, ci conosciamo da più di trent’anni, Francesco Sotgiu. Se dobbiamo parlare di un musicista, lui è il primo della lista. Batterista ,compositore, arrangiatore e violinista. Tutte le volte che suono con lui succede qualcosa di magico e di grande spessore.
Si aggiungono Marcello carro sopranista dal suono intenso e personale, i due tastieristi Salvatore Carollo e Mauro Mulas, con il giusto spirito per il repertorio e infine il mio caro amico Marcello Contu.
A parte l’amicizia vera e sincera che abbiamo, ho una grande ammirazione per questo chitarrista. Grande cultura musicale, una esperta conoscenza dei suoni nell’ambito chitarristico moderno e del fraseggio.

Flavio vivereacagliari.com ti ringrazia e grazie per la musica che ci regali.

Flavio: grazie a voi.

Per maggiori informazioni e contatti:

Visita la pagina Facebook di Flavio Boltro

Leggi la biografia di Flavio Boltro

[userpro template=view user=author max_width=100%]
Tag assegnati a questo articolo
intervista jazzIntervista Musicista Jazz

Articoli correlati

INTERVISTA AL PIANISTA CLAUDIO COJANIZ

Abbiamo incontrato il pianista al Festival Musica sulle Bocche 2014. Claudio Cojaniz (San Giorgio di Nogaro, Udine) pianista, compositore. Si

SULLE STRADE DEL BLUES, IV EDIZIONE, CAGLIARI 5 > 7 AGOSTO

Abbiamo incontrato Salvatore Amara, direttore artistico del Festival Sulle Strade del Blues. Il chitarrista e cantante noto nella scena blues sarda

INTERVISTA AD ANTONIO GALBIATI

Il cantante e autore Antonio Galbiati è attesissimo ai Laboratori Musicali “Gong”. Antonio Galbiati è un cantante, compositore, arrangiatore, polistrumentista