Fioricoltura-Daniela

LE “MUSICHE INVISIBILI” DI ANDREA RUGGERI

LE “MUSICHE INVISIBILI” DI ANDREA RUGGERI

È in corso una campagna di crowdfunding tramite la piattaforma Produzioni dal basso, per sostenere “Musiche invisibili “.

Il nuovo cd “Musiche invisibili”  di Andrea Ruggeri, batterista e compositore di Sanluri, trapiantato da diversi anni in Veneto, lancia un  progetto ispirato a Le città invisibili di Italo Calvino, e alla guida de  l’ARE,  Andrea Ruggeri Ensemble, il 21 giugno 2017 terrà il concerto di debutto, in collaborazione e presso il Salone Teresiano della Biblioteca Universitaria di Pavia, in occasione della Festa europea della musica.

Andrea perché le persone dovrebbero partecipare al tuo progetto?

Andrea: perché è bello 🙂 e perché il crowdfunding rappresenta una forma rivoluzionaria di produzione e promozione musicale dove il pubblico, oltre ad essere il diretto fruitore dell’opera musicale, è anche il produttore che partecipa in tempo reale a tutte le fasi della produzione, dalla genesi del desiderio originario dell’autore fino alla pubblicazione del lavoro. In un ottica a medio lungo termine, questa forma di produzione può dare davvero vita ad un mercato alimentato direttamente dal pubblico.

“Musiche invisibili”  è un progetto ambizioso, com’è nato?

Andrea: nei contenuti Musiche invisibili attinge a diversi linguaggi che hanno formato e formano il mio background, in un equilibrio tra forme e sostanze – Jazz, Musica da camera e contemporanea, rock, improvvisazione libera – musica del nostro tempo e del tempo che verrà. I testi sono il frutto di rielaborazioni alfabetiche (logogrifi) di alcune parti del del romanzo, operate da me insieme a Elsa Martin e Mirko Onofrio.

Chi hai scelto per formare l’ensamble?

Andrea: a formare l’organico ci saranno musicisti di spessore con diversi percorsi alle spalle ma tutti accomunati dall’amore per la ricerca e dello stare insieme: Elsa Martin voce, Mirko Onofrio flauti, sax tenore e voce, Gabriele Mitelli tromba e flicorno, Francesco Ganassin clarinetti e sax alto, Christian Thoma oboe, corno inglese e clarinetto basso, Francesco Saiu chitarra classica e chitarra elettrica, Elia Casu chitarra elettrica e live electronics, Pasquale Mirra vibrafono, Oscar Del Barba pianoforte e fisarmonica, Daniele Richiedei violino e viola, Annamaria Moro violoncello, Giulio Corini contrabbasso.

Il concerto di debutto si preannuncia molto suggestivo….

Andrea: il 21 giugno 2017 saremo al Salone Teresiano,  magnifica e prestigiosa cornice gioiello architettonico, culturale e artistico settecentesco, che oggi fa capo direttamente al MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo), luogo letterario perfetto, visti i contenuti ispiratori del progetto e i legami della Città di Pavia e della stessa Biblioteca con Italo Calvino. Il concerto verrà registrato e pubblicato in DVD per far godere al pubblico questa scenografia speciale , oltre che della musica inedita e originale.

Clicca qui per partecipare alla campagna e per conoscere i dettagli di “Musiche invisibili”

 

[userpro template=view user=author max_width=100%]

Articoli correlati

DARIO DEIDDA: LA MUSICA DAL BASSO

Descrivere la straordinaria personalità musicale di Dario Deidda è opera ardua: il musicista di lontane origini cagliaritane, racchiude in sé

Il sogno nel cassetto di Aura Sechi

La giovane cantante Aura Secchi ha lanciato una campagna di crowdfunding per raggiungere il suo sogno. Aura presentati ai lettori

INTERVISTA AL PIANISTA CLAUDIO COJANIZ

Abbiamo incontrato il pianista al Festival Musica sulle Bocche 2014. Claudio Cojaniz (San Giorgio di Nogaro, Udine) pianista, compositore. Si

Nessun commento

Scrivi un commento
Ancora nessun commento! Sii il primo acommentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi contrassegnati sono obbligatori*