Fioricoltura-Daniela

NICOLA SCHINTU

NICOLA SCHINTU

Nicola Schintu, Chitarra.

Ho iniziato a suonare a circa diciotto/vent’anni e un’anno dopo sono entrato a far parte di una rock band come chitarrista solista e riuscendo nel ’93 a registrare un demo.
Dopo varie esperienze in altri gruppi, compreso un’anno in una Big Band di 11 elementi, ho deciso di intraprendere un percorso da solista riuscendo a registrare alcuni miei brani con un piccolo registratore digitale.
Nel 2002 ho partecipato e vinto un concorso a Quartu S.Elena dedicato alla chitarra elettrica moderna con un mio brano.
Nel 2004 ho perduto parte della mobilità del dito anulare della mano sinistra in un’incidende, con relativa operazione chirurgica e da qui un uso più consistente della tecnica del tapping (entrambe le mani sul manico della chitarra).
Attualmente sto lavorando al mio primo cd strumentale da solista, dove tutte le parti di ogni singolo strumento
(batteria, basso, tastiere, pianoforte, violini, organo, orchestra ecc.)sono scritte interamente da me nota per nota….
In questi ultimi anni ho partecipato a vari seminari dei più grandi chitarristi Steve Vai, Guthrie Govan, Paul Gilbert, Carl Verheyen, Scott Henderson, Donato Begotti, Daniele Gottardo, Umberto Fiorentino, Kiko Loureiro ecc.)
Nell’aprile del 2010 ho aperto il concerto di Guthrie Govan con la sua band nell’unica data sarda a San Gavino Monreale.
Ultima nota è che sono completamente autodidatta.

Per maggiori informazioni:

Guarda il nuovo video di Nicola Schintu

nicolaschintu@tiscali.it

[userpro template=view user=author max_width=100%]
Tag assegnati a questo articolo
Chitarrista

Articoli correlati

Last Melody

Last Melody Hard Rock/Heavy Metal I Last Melody si formano nella città di Cagliari nel 1999. Negli anni, molti musicisti

ELETTROFLEBO

ELETTROFLEBO Elettroflebo è un collettivo musicale nato a Cagliari nella primavera del 2012, con lo scopo di raggruppare musicisti di

DIRTY HANDS

DIRTY HANDS Blues / Rock Blues I DIRTY HANDS si formano nella primavera inoltrata del 2006. L’idea alla base del

Nessun commento

Scrivi un commento
Ancora nessun commento! Sii il primo acommentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi contrassegnati sono obbligatori*